Archive

Archive for marzo 2010

PIAZZALE EROI, PEDUZZI (FDS): CHIAMATI A VIGILANZA DEMOCRATICA

21 marzo 2010 Lascia un commento

(OMNIROMA) Roma, 20 mar – «Le forze politiche della Federazione della Sinistra insieme al Gruppo di Acquisto solidale Trionfale-Donini da circa un anno e mezzo organizzano iniziative pubbliche per il contrasto al carovita. Non si spiega perciò come mai, proprio oggi, la storica sezione di sinistra Luigi Arata di Piazzale degli Eroi – all’interno della quale si stava appunto svolgendo una di queste attività – sia stata oggetto di un singolare controllo da parte della polizia municipale. Controllo, che per le modalità con cui si è svolto, è sembrato un vero atto di intimidazione». Così in una nota Ivano Peduzzi, portavoce della Federazione della Sinistra in Consiglio regionale. «Il clima in questa campagna elettorale è pesante. Episodi del genere preoccupano. Nella zona – spiega Peduzzi – è risaputo di queste iniziative contro il carovita, e ovviamente ne era a conoscenza anche la polizia municipale di Alemanno. Ma evidentemente oggi hanno voluto calcare la mano». «Ordini dall’alto? Le iniziative dei comunisti danno fastidio? -conclude – ogni giorno che passa è sempre più evidente che siamo tutti chiamati alla vigilanza democratica» . red 201654 mar 10

POLIZIA MUNICIPALE INTERROMPE ATTIVITA’ CONTRO CAROVITA

21 marzo 2010 Lascia un commento

E’ evidente che quanto accaduto oggi nella sede del Pdci di piazzale degli Eroi non sia del tutto casuale.

E’ ormai un anno e mezzo che i partiti della Federazione della Sinistra oganizzano, tramite il Gruppo di acquisto solidale e popolare del Trionfale, la distribuzione di pane e altri prodotti alimentari per le famiglie bisognose del quartiere.

E’ una iniziativa politica contro il carovita che riscuote grande successo tra i residenti della zona, conosciuta da tutto il quartiere e anche dalla stessa Polizia Municipale che in passato non ha trovato mai nulla da contestare.

Come mai, oggi, questa attenzione particolare della Polizia Municipale nei confronti di una attività che si svolge pacificamente in tutta Roma e in altre parti d’Italia, con modalità tali da lasciare interdetti gli stessi cittadini che hanno presenziato al controllo?

Come mai i rappresentanti della Polizia Municipale si sono sentiti in dovere di interrompere una iniziativa, lecita e normata dalla legge, che si svolgeva all’interno dei locali di un partito politico impegnato nella campagna elettorale?

Come mai la Polizia Municipale non è informata sulle normativa nazionali che regolano le attività dei gruppi di acquisto?

La prossima settimana chiederemo conto di tutto ciò anche al comandante del competente Gruppo di Polizia Municipale, Antonio Bertola, anche per sapere se tale controllo, avvenuto con modalità molto discutibili, sia il frutto di direttive impartite dall’alto o di una iniziativa estemporanea degli agenti intervenuti.

Nel frattempo, chiediamo non solo ad Alemanno di fornire spiegazioni su quanto denunciato, ma anche alla stessa presidente del Municipio, Antonella De Giusti, e agli altri partiti del centrosinistra di prendere immediatamente posizione su un comportamento che rischia di configurarsi come una indebita e grave interferenza sulle attività di un partito politico durante la campagna elettorale.

E’ evidente che l’iperattività dei comunisti nel nostro Municipio inizia a dare fastidio a qualcuno.  

Dal Corriere della Sera.it

21 marzo 2010 Lascia un commento

POLEMICHE CONTRO IL SINDACO

 

Irruzione di vigili urbani in sede Pdci

 

Denuncia dei vertici della sezione di piazzale degli Eroi: interrotta iniziativa contro il carovita, tutti identificati

 

ROMA – Sono tutti da chiarire i contorni di un singolare episodio che sabato, nel clima di tensione politica che precede i tre cortei attesi nella Capitale, ha interessato una sede del Partito dei Comunisti Italiani a Roma. «Una squadra di vigili urbani si è presentata nella sede di piazzale degli Eroi – denuncia il Pdci – interrompendo una iniziativa contro il carovita che si svolgeva all’interno, pretendendo di sequestrare materiale e chiedendo i documenti a tutti i presenti». La sgradevole ispezione si è conclusa poi grazie all’intervento di un consigliere della Federazione della Sinistra, Giovanni Barbera, che ha convinto i vigili ad andarsene.

CAMPAGNA ELETTORALE – «Vorremmo capire in forza di quale legge una sede di un partito politico che partecipa alla campagna elettorale nella lista della Federazione della Sinistra deve subire una siffatta attenzione da parte della polizia municipale del sindaco Alemanno», attaccano Fabio Nobile e Alfio Nicotra. «La sezione Luigi Arata del Pdci – si legge in una nota – è una sezione storica della sinistra e dei comunisti in quel quartiere, che svolge attività pubbliche e alla luce del sole ma che evidentemente danno fastidio a qualcuno. Solo dopo l’intervento del consigliere Barbera, la squadra della municipale ha desistito dalla volontà (per noi illegittima) di sequestrare il materiale presente nella sede».

CONVOCAZIONE AL COMANDO – I presenti sono stati comunque convocati – «Ma in forza di quale legge?» chiede il Pdci – per martedì 23 presso il comando dei vigili urbani. «Ci domandiamo come mai questa attenzione nei confronti della nostra sezione avviene proprio oggi – nota Nobile -, giorno della manifestazione pro Berlusconi (ma anche, in piazze distinte, contro la privatizzazione dell’acqua pubblica)?». E ancora: «Ci chiediamo se il sindaco Alemanno vuole in questo modo inaugurare una stagione di pressioni indebite contro forze costituzionali e antifasciste come la Federazione della Sinistra – accusano i responsabili della sede -, mentre al contempo si consente alle sedi della destra estrema e razzista di funzionare da base e retroterra delle aggressioni contro gli studenti di sinistra come avvenuto recentemente nell’Università di Tor Vergata». La federazione della sinistra ha chiesto «un immediato chiarimento e precise assicurazioni che la polizia municipale sia tenuta fuori dall’agone e dallo scontro politico». (fonte Omniroma)

ACQUA, BARBERA (PRC): «MUNICIPIO XVII ADERISCE A MANIFESTAZIONE»

13 marzo 2010 Lascia un commento

(OMNIROMA) Roma, 11 mar – «Il Municipio aderisce ufficialmente alla manifestazione nazionale contro la privatizzazione dell’acqua e per la tutela dei beni comuni che si terrà a Roma il prossimo 20 marzo, grazie all’approvazione in Consiglio della mozione presentata dal sottoscritto e da altri consiglieri di centrosinistra. La mozione esprime anche la forte contrarietà del Municipio all’art. 15 del Decreto Ronchi che impone la privatizzazione dei servizi pubblici a rilevanza economica e alla decisione della Giunta Alemanno di cedere il 20% del pacchetto azionario di Acea entro il 2010. In questa maniera, abbiamo voluto raccogliere l’invito dei movimenti per la tutela dei beni comuni che sono i promotori della manifestazione del 20 marzo. Riteniamo che l’acqua, come altri beni comuni, non debba essere oggetto di un processo di privatizzazione e, pertanto, in maniera analoga a quanto avvenuto in altri municipi, presenteremo una proposta di delibera affinché nello Statuto del Comune di Roma l’acqua venga individuata come bene comune non mercificabile e non come servizio pubblico di rilevanza economica».

È quanto dichiara in una nota Giovanni Barbera, presidente del Consiglio del XVII Municipio (Prc-Federazione della Sinistra) . red 112055 mar 10

ROMA: BARBERA (PRC-FED. SINISTRA), LESIONATI ANCHE ALTRI EDIFICI AL TRIONFALE

13 marzo 2010 Lascia un commento

Roma, 9 mar. – (Adnkronos) – «Condividiamo le preoccupazioni del consigliere regionale dell’Idv, Claudio Bucci, sui danni provocati dai lavori per il nuovo mercato Trionfale, anche perchè abbiamo avuto modo di sollevare tale problema più volte nel corso di questi ultimi anni. Ricordiamo, però, che tale problema non riguarda solo lo stabile di via Santamaura 39, ma quasi tutti gli edifici che si affacciano sulla nuova struttura, compresi quelli di via la Goletta, via Tunisi e anche di via Andrea Doria. Ancora oggi, a distanza di dieci mesi, le famiglie residenti in via Andrea Doria 51 sono costrette ad alloggiare fuori dalla propria abitazione a causa dei problemi di stabilità dell’edificio che furono accertati a suo tempo dai Vigili del Fuoco e dalla Commissione Stabili pericolanti del Comune di Roma».

Lo dichiara Giovanni Barbera, presidente del Consiglio del XVII Municipio di Roma ed esponente del Prc-Federazione della Sinistra.

«Quello che non comprendiamo è l’inerzia del sindaco Alemanno che, dopo aver inaugurato in pompa magna la nuova struttura, ha abbandonato i cittadini che hanno subito i danni a loro stessi – conclude Barbera – Non è un mistero che le stesse famiglie di via Andrea Doria 51, che nel frattempo hanno intrapreso una vertenza giudiziaria per l’accertamento dei danni, sono state costrette a mettere mano ai loro portafogli o ad accendere appositi mutui per finanziare i lavori di consolidamento. Chiediamo che l’amministrazione comunale si assuma le proprio responsabilità e intervenga rapidamente per garantire l’incolumità pubblica, tramite una verifica delle condizioni di tutti gli edifici che hanno subito lesioni». (Rre/Gs/Adnkronos) 09-MAR-10 19:56 NNN

IMBRATTATA LA SEDE DEL PDCI CON UNA SVASTICA

13 marzo 2010 Lascia un commento

“Imbrattata con una svastica la saracinesca della sede dei Comunisti Italiani a piazzale degli Eroi. A solo poche settimane dall’attentato incendiario perpetrato nei confronti della suddetta sede, che per fortuna non ha prodotto danni a persone e cose, siamo costretti a registrare, nel quartiere Trionfale, l’ennesima azione intimidatoria ai danni delle sedi dei partiti che fanno parte della Federazione della Sinistra. Tale situazione non è assolutamente più tollerabile. Chiediamo alle autorità competenti di garantire un ordinato svolgimento della campagna elettorale anche nel nostro Municipio, anche perché tali episodi coincidono quasi sempre, stranamente, con le affissioni in zona di manifesti di note organizzazioni di estrema destra”. E’quanto dichiara in una nota Giovanni Barbera, presidente del consiglio del XVII Municipio ed esponente del Prc – Federazione della Sinistra.

Municipio XVII, Barbera (Prc): “Ancora proteste per manifestazione estiva Castel S.Angelo”

6 marzo 2010 1 commento

Da “L’Unico”, ven 5 marzo 2010

“La vicenda riguardante la manifestazione estiva presso i giardini di Castel Sant’Angelo non accenna a placarsi e continua a scatenare le proteste anche di altri gruppi politici, sia del centrodestra che del centrosinistra. Per questi motivi, al prossimo Consiglio utile, verrà presentato un atto per “cassare” la memoria con la quale la Giunta del Municipio ha inopinatamente disposto di non rinnovare il bando pubblico, scaduto nel 2009, per la realizzazione della suddetta manifestazione,  ma di concedere  in cambio una proroga di ben tre anni alla stessa associazione che ha già organizzato tale manifestazione negli ultimi tre anni. Non siamo contrari a questa manifestazione, ma visto che questa si caratterizza non solo per le  iniziative culturali ma anche per le rilevanti attività  commerciali  e di ristorazione, chiediamo che il soggetto che dovrà organizzarla venga selezionato in maniera trasparente, tramite il rinnovo del bando pubblico, come era stato previsto a suo tempo dopo le battaglie  condotte negli anni passati dal centrosinistra. Viste anche le contestazioni di qualche mese fa sulla discutibile riduzione del canone di occupazione di suolo pubblico concessa alla suddetta associazione per tale manifestazione, credo che non sia veramente il caso, da parte della Presidente De Giusti e della Giunta, di procedere a ulteriori forzature, sia dal punto di vista politico che amministrativo”.

 E’ quanto dichiara Giovanni Barbera, rappresentante del Gruppo consiliare della Sinistra, nonchè presidente del Consiglio del XVII Municipio.

 “Pertanto, considerato quanto sopra e visto anche che il parere sulla proroga è stato peraltro espresso con un atto assolutamente improprio come la “memoria” e non con una “delibera di giunta”,  chiediamo al Gabinetto del Sindaco e agli Uffici competenti di non concedere tali spazi fino a quando non sarà definita l’intera questione, sia  rispetto alle procedure amministrative da adottare, che sull’interpretazione della volontà del Municipio su tale argomento che, a questo punto, non può che essere espressa dal Consiglio stesso”, conclude Barbera.