Home > Uncategorized > DISCRIMINAZIONI DI RELIGIONE ALLA SCUOLA VICO

DISCRIMINAZIONI DI RELIGIONE ALLA SCUOLA VICO

PURTROPPO NEL MUNICIPIO ROMA XVII  SUCCEDE ANCHE QUESTO….

Marco Notarfonso, tratto  da “Roma Oggi”  del 14.05.2010

Ancora polemiche su quanto accaduto giorni fa alla Scuola elementare G.B. Vico di piazzale degli Eroi dove, secondo i fatti riportati dalla stampa, un’insegnante avrebbe premiato alcuni bambini che avevano fatto la prima comunione, escludendone altri e scatenando le vibrate proteste di alcuni genitori che si sarebbero visti arrivare a casa i loro figli in lacrime per quello che era stato, comunque, vissuto dai loro bambini come una sorta di “piccolo-grande” abuso da parte di una loro insegnante.

Va precisato che le proteste dei genitori non sono state suscitate tanto dal regalo in sé per sé, anche se tale comportamento può essere considerato assai discutibile dal punto di vista educativo, quanto dalle spiegazioni fornite dall’insegnante in merito all’episodio contestato.

Tale insegnante, infatti, avrebbe giustificato il suo gesto affermando testualmente che a queste cose i bambini si devono abituare e che il premio era stato dato perchè quei “bambini avevano accolto Gesù nel loro cuore”, tradendo in questa maniera la volontà di aver voluto marcare, con quel premio, una differenza tra i bambini proprio sulla base della diversa appartenenza religiosa delle relative famiglie.

Protagonisti delle polemiche, questa volta, non sono stati i genitori, ma  alcuni consiglieri del Municipio Roma XVII in quanto il caso è approdato nel parlamentino locale del suddetto municipio ad opera del Pdl che ha deciso di presentare, alcuni giorni fa, un atto per far esprimere al Consiglio la solidarietà all’insegnante contestata.

Tale solidarietà è stata giustificata in aula dal Pdl con la necessità di difendere i valori cristiani e la tradizione cattolica del nostro Paese e di riaffermare la superiorità di tali valori rispetto agli altri orientamenti religiosi e laici. Ovviamente tutto ciò a dispetto di quei principi sanciti dalla nostra carta costituzionale che prevedono la libertà dei diversi orientamenti religiosi e laici.

Il fatto, fin qui, non suscita  di per sè particolare interessea, anche perché siamo ormai abituati, nel dibattito politico  nazionale,  a prese di posizioni simili da parte delle forze di centrodestra, figuriamoci in una aula consiliare di un municipio. Posizioni, queste, che spesso sconfinano anche in affermazioni razziste e xenofobe, d’altronde come quelle tristemente pronunciate anche durante il dibattito consiliare a cui abbiamo assistito nell’aula consiliare del XVII Municipio.

In realtà , quello che sorprende nella vicenda, invece, è proprio la posizione tenuta da alcuni rappresentanti delle forze del centrosinistra nel Consiglio del XVII Municipio, in particolare del partito democratico in quanto, nonostante il tenore di alcune argomentazioni sostenute dagli esponenti del PDL in Aula – che avrebbero dovuto consigliare per lo meno una  maggior cautela ad alcuni  rappresentanti del PD – si è assistito a una serie di interventi raccapriccianti che dovrebbero far riflettere sul livello di regressione culturale che stiamo vivendo nel nostro Paese e nella nostra città e sulla mutazione genetica subita da alcune forze politiche che vantano anche una tradizione laica e progressista.

Tra tali interventi va annoverato quello della Presidente Antonella De Giusti (PD) che non solo ha difeso inopinatamente il comportamento dell’insegnante contestata con argomentazioni non molto dissimili da quelle utilizzate dal Pdl (la difesa delle nostre tradizioni ), ma con le stesse argomentazioni ha voluto anche rivendicarsi la vergognosa decisione di imporre un paio di anni fa, a tutti i bambini delle scuole del suo Municipio, anche a quelli di altre religione,  i menu quaresimali.

Iniziativa, questa, che l’anno successivo venne riprodotta sull’intero territorio romano dall’Assessore alla Scuola del Comune di Roma, Laura Marsilio (PDL), evidentemente ispirata dall’esperienza del XVII Municipio. Imposizioni che, ricordiamo, furono comunque successivamente revocate a seguito delle forti proteste dei genitori e degli operatori scolastici.

Emblematica anche la confusa dichiarazione di voto del capogruppo del PD Jacopo Emiliani che, non avendo la forza di orientare il voto del suo gruppo, come ormai sempre più spesso succede, ha lasciato libertà di voto al PD dando, di fatto, in questa maniera la copertura politica a quei consiglieri del suo gruppo, come l’incaricata alle politiche scolastiche, Mariarosaria Lo Monaco (PD), che – decidendo di esprimere un voto di astensione o di non partecipare al voto – sono stati determinanti per far approvare dal Consiglio il documento del centrodestra, grazie anche alle assenze come sempre numerose tra i banchi del centrosinistra.

Un voto pesante in quanto il documento, pur avendo una valenza solamente simbolica, contribuisce ad alimentare nel suo “piccolo” quel clima di intolleranza e di xenofobia all’interno della scuola pubblica e della nostra società, calpestando i principi che sanciscono la libertà dei diversi orientamenti religiosi e laici e la stessa laicità delle istituzioni pubbliche, gettando più che un’ombra di dubbio sulla capacità di alcuni rappresentati istituzionali eletti tra le fila del centrosinistra di poter ricoprire in maniera adeguata il ruolo che rivestono, almeno rispetto alle aspettative dei loro elettori.

D’altronde, non è un caso che Roma oggi sia guidata da una giunta di centrodestra.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: