Home > Uncategorized > BUNGA BUNGA DAY A ROMA, FINTO SILVIO REGALA SOLDI A RAGAZZE

BUNGA BUNGA DAY A ROMA, FINTO SILVIO REGALA SOLDI A RAGAZZE

(ANSA) – ROMA, 5 FEB – Manette appese al polso, un finto Silvio Berlusconi ferma le ragazze e regala loro banconote, mentre alcune persone vestite da operai con casco blu in testa distribuiscono volantini per chiedere le dimissioni del Presidente del Consiglio. È il «bunga bunga day» organizzato a Roma dalla Federazione della sinistra del XVII Municipio, davanti al mercato Trionfale. «Mentre Silvio va a puttane diventiamo il paese delle banane», si legge sullo striscione portato dai manifestanti che hanno allestito banchetti per la raccolta delle firme: per chiedere le dimissioni oltre che del premier, anche del sindaco di Roma Alemanno. C’è anche un sottofondo musicale: il ‘Waka Wakà rivisitato da Elio e le Storie tese: «Bunga bunga con Lele, bunga bunga con Fede…», dice il testo. Nella rappresentazione satirica il finto Berlusconi grida ai passanti: «Vergogna! Siete dei comunisti!», e «Santoro! Si contenga!». E si unisce in ‘treninò agli ‘operaì, sulle note di Shakira. «L’Italia è sommersa dalla vergogna – ha detto uno degli organizzatori dell’iniziativa – l’Italia merita di tornare a essere un Paese normale e libero e per questo è bene che Berlusconi si dimetta e lasci che il nostro futuro sia in mani migliori. Oggi siamo qui per aiutarlo a prendere questa decisione».

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: