Home > Uncategorized > PIANO CASA: UDC E PDL, PROVE DI ALLEANZA???

PIANO CASA: UDC E PDL, PROVE DI ALLEANZA???

di Giovanni Barbera

“Hanno ragione coloro che affermano che la vera novità politica  dell’approvazione della delibera comunale riguardante l’applicazione del Piano Casa regionale non sia il fatto che questa rappresenti l’ennesima cambiale politica pagata dalla Giunta Alemanno ai costruttori romani – cosa questa ormai scontata – ma la convergenza che si è consumata  tra la maggioranza capitolina e l’Udc, all’opposizione in Campidoglio.

Non è sfuggito a molti, infatti, che proprio tale partito sia stato determinante nel far modificare i contenuti  della prima stesura della delibera che delimitava, in maniera più restrittiva (anche se non sufficiente) il campo di applicazione sul territorio comunale del Piano casa regionale. Tale versione aveva provocato  anche molte polemiche,  nelle settimane scorse,  tra il Sindaco di Roma e la governatrice della Regione Lazio, la quale aveva accusato la Giunta Alemanno di voler indebolire il proprio Piano Casa, provvedimento già impugnato a suo tempo dallo stesso Governo Berlusconi.

L’accordo tra Pdl e Udc ha permesso di modificare l’impostazione della suddetta delibera, allargando l’ambito di applicazione del Piano Casa sul territorio comunale, ben oltre le intenzioni iniziali della Giunta Alemanno, ed esentando vergognosamente alcune operazioni di valorizzazione immobiliare dal pagamento del contributo straordinario previsto dalla stessa legge regionale. Provvedimenti, questi, che rafforzeranno il carattere devastante di tale Piano Casa favorendo ancora di più la speculazione edilizia e la rendita immobiliare,  la distruzione dell’agro romano e le nuove colate di cemento nella città, senza peraltro risolvere il grave problema dell’emergenza abitativa.

Fenomeno, questo, che diventa, purtroppo, sempre più grave nella Capitale anche a causa dell’inerzia, in questi anni, della Giunta Alemanno. Con tale Piano, infatti, non vengono previsti programmi di edilizia residenziale pubblica, ma solo forme di housing – denominato eufemisticamente “sociale” dal Sindaco Alemanno –  che non sono comunque in grado di  soddisfare le esigenze di quelle decine di migliaia di famiglie che hanno i requisti per poter concorrere all’assegnazione di alloggi popolari e che attendono, da oltre due anni, la pubblicazione del bando comunale per la formazione delle graduatorie riguardanti tali assegnazioni.

Non sappiamo se tale convergenza tra maggioranza capitolina e l’Udc  sia solo un fatto episodico, legato agli interessi contingenti, riguardanti l’argomento trattato in Aula Giulio Cesare, o rappresenti invece  l’inizio di un nuovo rapporto a Roma  tra Pdl e Udc,  finalizzato ad allargare la maggioranza politica che sostiene Alemanno, anche in vista  delle prossime elezioni politiche del 2013.  D’altronde, a livello regionale e in molti, comuni il Pdl governa insieme all’Udc e  da mesi lo stesso Sindaco sta “corteggiando”, con sempre maggiore insistenza,  tale partito per un suo coinvolgimento nella maggioranza e nella Giunta capitolina.

Quello che ci preme evidenziare in questa vicenda sono due fatti. Da una parte, la debolezza e le  ambiguità politiche dello schieramento che si oppone alla Giunta Alemanno e dall’altra il fatto che spesso al centro degli “inciuci” tra maggioranza e pezzi dell’opposizione ci siano sempre interessi indifendibili, come in questo caso. Per capire di cosa parliamo è sufficiente riportare le valutazioni del    Cresme,  centro ricerche per l’edilizia,  che ha stimato intorno al piano casa della Regione Lazio  un potenziale giro di affari di circa 2 miliardi di euro. Affari che, ovviamente, non possono non far gola a molti costruttori, soprattutto in un momento di fortr rallentamento delle attività nel settore edilizio. Che poi tale giro d’affari rischi di spianare la strada a un consumo di suolo in violazione delle normative paesaggistiche nazionali e di rendere invivibile la nostra Città a causa dell’incremento dei carichi urbanistici, non sembra interessare più di tanto una parte della  nostra classe politica regionale e locale.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: