Home > Uncategorized > VERBANO: BARBERA (PRC-FDS), IL SUO RICORDO PIU’ CHE MAI ATTUALE

VERBANO: BARBERA (PRC-FDS), IL SUO RICORDO PIU’ CHE MAI ATTUALE

(AGENPARL) – Roma, 22 feb – “Non basta deporre una corona per avere risolto i problemi con la Storia di questo Paese, cianciando di “memoria condivisa” e di “pacificazione”. Alemanno e Belviso fanno parte di un partito in cui alcuni esponenti di spicco si rivendicano ancora il saluto romano, le croci celtiche o negano la memoria storica, come è accaduto anche recentemente, appena due settimane fa, con gli eccidi e le violenze di massa perpetrate dal regime fascista in Dalmazia e Istria nei confronti della popolazione slava. La pacificazione non si fa negando le differenze e mettendo tutti sullo stesso piano. La vicenda di Valerio Verbano, ucciso dai Nar 32 anni fa, ha un valore simbolico enorme perché, al pari di altre storie simili, grida ancora giustizia. Negli anni ’60 e ’70 si è sviluppato in Italia e in Europa un movimento che ha messo in discussione alle radici l’ideologia e i meccanismi di potere che regolano ancora oggi le nostre società in tutte le loro differenti espressioni ed articolazioni. Si è trattato di un imponente moto di partecipazione democratica che ha visto per protagonisti il mondo giovanile, studenti, operai, intellettuali e l’opinione pubblica democratica. In particolare, in Italia, una generazione intera si è affacciata alla vita politica, contribuendo in modo decisivo alla crescita democratica del nostro Paese proprio in quei formidabili anni. La risposta delle forze conservatrici del Paese, con la complicità di apparati dello Stato e della manovalanza di estrema destra, produsse episodi come quello che vide la morte di Valerio Verbano, che chiuse quella stagione, ma anche le stragi che insanguinarono il Paese dal 1969 al 1975”. E’ quanto dichiara Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Federazione della Sinistra e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII.

“Non possiamo dimenticare che molti esponenti del Pdl – continua Barbera -, compreso lo stesso Sindaco di Roma, in quegli anni stavano dalla parte avversa, tra coloro che si opponevano alla democratizzazione della nostra società, così come oggi sono tra i principali protagonisti politici di quella deriva culturale e politica finalizzata a cancellare sia importanti diritti sociali e del lavoro che spazi di democrazia conquistati a caro prezzo negli anni passati. Ricordare la morte di Valerio Verbano e tutti gli episodi inquietanti che hanno macchiato, in maniera indelebile, la storia della nostra Repubblica non significa guardare solo al passato, ma anche al nostro presente e soprattutto al nostro futuro. Non possiamo permettere che quelle stesse forze conservatrici che alimentarono una pesante reazione nei confronti dei movimenti degli anni ’70 possano continuare a calpestare il nostro futuro e quello delle giovani generazioni, svuotando e distorcendo la memoria storica e alimentando “un senso comune” contrario agli interessi delle classi meno abbienti di questo Paese e di questa città”

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. 25 febbraio 2012 alle 03:31

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: