Home > Uncategorized > ANGELO DI CARLO, INTITOLIAMOGLI PIAZZA MONTECITORIO

ANGELO DI CARLO, INTITOLIAMOGLI PIAZZA MONTECITORIO

Il flash-mob per la morte di Angelo  a Palazzo Chigi

Roma, 21 ago 2012 – Condividiamo l’articolo-appello pubblicato ieri sul sito di informazione Globalist Syndication che lancia l’idea di intitolare provocatoriamente Piazza Montecitorio ad Angelo Di Carlo – l’uomo di 54 anni morto dopo che si era dato fuoco nella suddetta piazza –  con un targa che reciti “Angelo di Carlo, uno di noi”. Una bella idea per evitare che quel gesto estremo, motivato dalla disperazione  per un lavoro che non c’era  più, come purtroppo sta accadendo a molti altri cittadini, possa cadere nell’oblio come tanti altri episodi simili che ormai riempiono sempre più spesso le pagine di cronaca dei nostri quotidiani. Un gesto di solidarietà  che vuole essere però  anche un preciso atto di accusa, come lo è stato d’altronde quello di Angelo,  nei confronti di una politica sempre più lontana dalla gente “normale”, che ormai è asservita agli interessi dei poteri economici.

Pertanto anche noi vogliamo invitare tutti a testimoniare il loro ricordo non solo nei confronti di Angelo, ma anche  nei confronti di tutte le altre persone che negli ultimi tempi sono state “suicidate” dal fondamentalismo liberista,  portando  in quella piazza del dolore una candela, un oggetto  o qualsiasi  testimonianza che simboleggi la nostra rabbia, le nostre lotte e – perché no – anche  la nostra speranza per un futuro migliore.

D’altronde le iniziative, più o meno estemporanee e spontanee, per ricordare Angelo Di Carlo si stanno moltiplicando in questi giorni e non solo sul web, da sempre attivo su queste tematiche. Ad esempio proprio domenica, a poche ore dall’annuncio della morte di Angelo, alcuni attivisti dei movimenti romani, in maniera del tutto spontanea, con uno striscione molto provocatorio, realizzato sul momento, hanno voluto testimoniare la loro rabbia e il loro dolore organizzando un flash-mob prima davanti a Palazzo Chigi, sfidando le stesse forze dell’ordine che comunque si sono astenute dall’intervenire, e successivamente davanti la sede della Banca d’Italia, in Via Nazionale, dove tale striscione è stato affisso, su una cancellata del suddetto istituto, tra lo stupore dei passanti e dei turisti incuriositi.

Siamo convinti, infatti, che il modo migliore per onorare la memoria di queste persone sia quello di raccoglierne idealmente il testimone,  contribuendo a rilanciare nel Paese le lotte sociali per rivendicare a tutti noi un futuro diverso da quello che vorrebbero imporci.

Articoli correlati:

CONTROLACRISI.org – Dopo la morte la proposta di intitolare ……

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: