Home > Uncategorized > ROMA: CASAPOUND, “MA QUALE FORZA ANTICASTA, FACCIANO MEA CULPA”

ROMA: CASAPOUND, “MA QUALE FORZA ANTICASTA, FACCIANO MEA CULPA”

(Roma Regione) Roma- 12 novembre 2012-”Dopo l’assordante silenzio di queste settimane, CasaPound esce allo scoperto contestando quelli che loro definiscono  i toni anni ‘70 dei “professionisti dell’antifascismo”. Secondo la loro “arguta” analisi, tali soggetti, sostenuti dalla stampa, cercherebbero di alimentare nell’opinione pubblica un pericoloso clima di emergenza democratica contro un inesistente, a loro avviso,  pericolo fascista nella città solamente per  interesse elettorale. Secondo Casapound, tale strategia sarebbe funzionale solo al Pd che cercherebbe di rifarsi una verginità politica nei confronti dell’elettorato provato dalle politiche antisociali del Governo Monti”.

E’ quanto dichiara Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Federazione della Sinistra e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII .

“Analisi un po’ bizzarra e fantasiosa – continua Barbera –  in quanto a parte i comunicati stampa, che non si negano a nessuno,  di qualche esponente del Pd nazionale e romano sensibile all’antifascismo, non ci sembra che tale partito, né le altre forze del centrosinistra, si siano messi in evidenza in questi mesi  per contrastare concretamente quanto sta succedendo a Roma. Anche sabato scorso se non fosse stato per la Federazione della Sinistra e altre realtà, che in 24 ore hanno organizzato un presidio di protesta a Castel Sant’Angelo, Roma avrebbe subito ancora una volta supinamente l’ennesimo corteo neofascista in città. Eppure sarebbe bastata una presa di posizione vera, e non solo rituale e di comodo, da parte del Pd e dei suoi numerosi rappresentanti istituzionali, per far saltare quell’ignobile corteo, come tutti noi chiedevamo. Altrettanto ridicolo è l’atteggiamento di Casapound  e di altre organizzazioni di estrema destra che vorrebbero ergersi, oggi, a forze antisistema e anticasta. Peccato che sia CasaPound, che le altre note organizzazioni di estrema destra, abbiano marciato, fino a ieri, a braccetto con il Pdl e, in particolare, con  il sindaco Alemanno, ottenendo “prebende” di varia natura. D’altronde la “fascistopoli” romana, con tutte le sue conseguenze, anche di natura  clientelare, ha significato anche questo. Prima di fare la morale agli altri e ad ergersi a paladini delle classi popolari duramente colpite dalle politiche di austerity, avrebbero dovuto avere il coraggio, per lo meno, di  fare pubblicamente “mea culpa” per i  legami con quel sistema di potere del quale, ancora oggi, fanno parte”.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: