Home > Uncategorized > SANITA’ ROMA, MERCOLEDI’ NUOVA PROTESTA: SIT-IN ALL’OSPEDALE OFTALMICO

SANITA’ ROMA, MERCOLEDI’ NUOVA PROTESTA: SIT-IN ALL’OSPEDALE OFTALMICO

Sanità Roma

ROMA – Dopo la protesta di oggi davanti alla regione Lazio, per domani si annuncia un’altra giornata calda nel settore della sanità romana in agitazione contro i tagli. «Domani mattina, dalle ore 10 alle 12, le forze politiche del centrosinistra, i sindacati e i comitati dei cittadini assedieranno simbolicamente l’ospedale Oftalmico, dinanzi l’entrata di via Frà Albenzio, per protestare contro i tagli dei servizi sanitari nel nostro territorio, fra cui quelli che riguarderanno l’Oftalmico e il poliambulatorio di via San Tommaso D’Aquino». Ad annunciarlo Giovanni Barbera, membro del comitato politico romano del Prc-Fds e presidente del Consiglio del Municipio Roma XVII.

«Tagli pesanti – continua Barbera – che metteranno a forte rischio il diritto alla salute dei nostri cittadini, già fortemente penalizzato dalla riduzione dei servizi di questi anni. Con l’occasione contesteremo non solo la politica dei tagli decisi a livello nazionale e regionale, ma anche i vertici dell’Asl Rm E per gli sprechi e le inefficienze denunciate in questi mesi e per la loro ostinazione ad impedire l’allocazione di alcuni importanti servizi, che saranno accorpati presso altre strutture fuori dal loro bacino di utenza, all’interno dei locali vuoti dell’Oftalmico».

«Si preferiscono mantenere da anni spazi vuoti, perfettamente agibili, piuttosto che garantire servizi essenziali per il territorio. Che destinazione avranno quegli spazi? Sarebbe impensabile cedere quegli spazi ai privati, come paventano i sindacati. Si vocifera da molto tempo, infatti, che tali spazi siano destinati alla Fondazione Bietti. Lo sappiano tutti, da Bondi ai vertici dell’ Asl Rm E, che non permetteremo mai che tali spazi pubblici siano privatizzati. Sarebbe una vera beffa».

(Foto e testo tratto da “Il Messaggero.it  Roma” – 11.12.2012)

Articoli correlati:

 

PAESE SERA.it, Sanità, in 10 mila sotto la Regione: “fermiamo Bondi….”

 

Annunci
  1. Silvia Adami
    12 dicembre 2012 alle 11:01

    E’ una vecchia storia. Di mattina gli Ospedali sono rumorosi, pieni di gente che ha prenotato da mesi e cmq. paga, per una analisi o una visita, sostanziosi ticket! Di pomeriggio invece cala un ovattato silenzio, aperto solo l’Intra Moenia, entro pochi giorni, che non costa nemmeno tanto di più….

    Un dettaglio: da marzo basta superare di pochi spiccioli il tetto dei 36.200 euro LORDI (i 70 milioni delle vecchie lire mai diventati però 70mila Euroi!) e si perde l’esenzione dal pagamento dei ticket, pur essendo anziani e bisognosi di cure! Un disastro!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: