Home > DIRITTI CIVILI, ROMA CAPITALE E MUNICIPI, WELFARE > ROMA: BASTA CON CHI ALIMENTA XENOFOBIA E RAZZISMO

ROMA: BASTA CON CHI ALIMENTA XENOFOBIA E RAZZISMO

campo nomadiRoma, 31 agosto 2013 –  “Terribili le parole di alcuni noti esponenti del centrodestra romano per commentare  la lettera che 150 persone rom,  con la cittadinanza italiana, hanno inviato al Sindaco di Roma per chiedere di essere trattati come tutti gli altri cittadini  e non  essere più  segregati nei campi nomadi della città”, afferma Giovanni Barbera del comitato politico romano del Prc, commentando la notizia resa nota  dall’Associazione 21 luglio.

La lettera è quella firmata dal portavoce della comunità, Sandor Dragan Trajlovic, per conto della piccola comunità rom che attualmente  si trova nell’insediamento informale di via Salviati. Comunità formata da rom fuggiti tempo fa dal ‘villaggio attrezzato’ di Castel Romano, dove vivevano dal 2010, in seguito a ripetuti episodi di violenza.

”Caro sindaco, siamo e ci sentiamo cittadini di questa città, dove viviamo da trent’anni  – si afferma nella lettera – siamo orgogliosi di essere cittadini italiani e cittadini d’Europa. Siamo cittadini rom che credono nell’inclusione e che sognano di poter avere piena cittadinanza in questa bella città. Per questo le chiediamo di ascoltare il nostro desiderio di essere cittadini come gli altri, senza discriminazione e senza ghettizzazione”.

Come spesso avviene in questi casi, c’è chi nel centrodestra ha reagito in maniera molto stizzita alla suddetta notizia,  attaccando volgarmente  l’associazione che ha reso pubblica tale lettera, nota per il suo impegno  nei confronti dei diritti dei rom, e invitando gli altri  cittadini “romani” con disagi economici ad inondare di lettere il Campidoglio per chiedere anche loro un aiuto, come se i sacrosanti diritti degli uni fossero contrapposti agli altri. L’obiettivo di tali dichiarazioni non è mai nobile, ma è sempre quello di soffiare sul fuoco per alimentare una “guerra tra poveri”.

“Forse c’è ancora chi pensa – commenta l’esponente del Prc – che esistano cittadini di serie “A” e di serie “B” sulla base della loro appartenenza etnica. E’ grave che ci sia ancora chi, invece di lottare per l’integrazione di tutti i gruppi etnici, ancora oggi vittime di comportamenti discriminatori, alimenti un sentimento xenofobo tra i cittadini romani, mettendo gli uni contro gli altri. Il  diritto al lavoro e alla casa non dovrebbe essere un privilegio da riconoscere sulla base dell’appartenenza etnica, ma un fatto da rivendicare per tutti”.

Annunci
  1. 31 ottobre 2013 alle 07:57

    It is perfect time to make some plans for the future and
    it’s time to be happy. I have read this post and if I could I want
    to suggest you few interesting things or advice. Perhaps
    you can write next articles referring to this article.
    I want to read more things about it!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: